#PreadoRoma

Tre giorni immersi nella bellezza di scoprirsi Chiesa in cammino. Così i Preado di terza media hanno vissuto questi giorni tra le strade di Roma, alla scoperta di monumenti, di storia, di figure di santità …. in compagnia di circa 6000 loro coetanei provenienti dalla nostra diocesi.

I momenti culmine di questo pellegrinaggio sono stati sicuramente quelli della messa del martedì mattina con il nostro arcivescovo Mario nella Basilica di san Pietro e l’udienza con papa Francesco di mercoledì.

Il nostro arcivescovo Mario, durante l’omelia, ha invitato i ragazzi a vivere seguendo tre parole: io credo, io spero, io amo. Queste tre parole sono programma di vita da attuare non grazie alla nostre bravura ma invocando l’azione dello Spirito Santo: “In qualche momento della vita tutti noi sperimentiamo queste tre ferite, quella di sentirci inadeguati, quella di aver paura, quella di sentirci soli, ma oggi, convocati qui sulla tomba dell’apostolo Pietro, convocati come popolo in cammino verso la nuova Gerusalemme, noi vogliamo imparare queste tre parole come un programma di vita: io credo, io spero, io amo. E sarà possibile attuare questo programma di vita, anche se noi non siamo migliori degli altri, più generosi, o più buoni di tanti altri… ma abbiamo ricevuto lo Spirito Santo nel giorno del nostro Battesimo e della Cresima e, come Pietro, diamo testimonianza di Gesù Cristo. Siamo qui per invocare lo Spirito Santo che ci aiuti a tornare ai nostri impegni, alla vita ordinaria con questo programma: io CREDO e perciò supero ogni complesso, io SPERO e perciò vinco ogni paura, io AMO e perciò mi libero da ogni solitudine e stabilisco una fraternità in cui tutti si sentano accolti”.

cof

Papa Francesco, durante il saluto ai gruppi di pellegrini intervenuti all’udienza del mercoledì ha voluto rivolgere una parola particolare ai preado consegnando loro un invito speciale: “Cari ragazzi vi incoraggio a crescere nella fede e nella carità, impegnandovi a portare frutti buoni. Il Vangelo sia la vostra regola di vita come lo fu per i vostri santi Ambrogio e Carlo i quali con l’amore cambiarono il loro mondo

Foto di rito del gruppo al termine dell’udienza

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*